tema in classe sport4life

Il primo vero valore di una sconfitta scolastica sta nel fatto che essa ci rivela una problematica nel rapporto tra il ragazzo e il mondo dello studio che rischieremmo di ignorare. Una bocciatura viene spesso motivata da parte degli inseganti con lapidarie sentenze molto note del tipo “non ha mai studiato”. Lo stesso insuccesso viene però interpretato dai genitori del ragazzo con espressioni dal sapore giustificativo, quali “ gli insegnanti non lo capiscono”, “ non lo hanno fatto recuperare”. Già ma perché il ragazzo non ha studiato? Cosa ha fatto in modo che gli insegnanti non lo capissero? Nella mia esperienza di

insegnamento mi sono reso conto che solo raramente un insuccesso scolastico ha alle basi dei reali problemi di apprendimento. Nella maggior parte dei casi l’origine del problema sta nella relazione tra il ragazzo e il mondo della scuola, che non è fatto solo di nozioni da apprendere ma soprattutto dal senso che hanno per lui, dalla relazione efficace con l’adulto al livello di coinvolgimento dell’apprendimento. Soprattutto dal fatto che, contrariamente a quanto si pensa, non tutti gli studenti sono spinti da una motivazione interna allo studio ma hanno la necessità di trovare da intensi stimoli esterni per attivarsi: come sostengono gli psicologi Deci e Ryan, se ad esempio ad un livello di abilità medio corrisponde un livello di sfida basso, lo stato emotivo generato è la noia. Chi di noi non conosce questo stato d’animo? Il valore del fallimento scolastico ha un significato allora se il ragazzo e la famiglia si confrontano in modo aperto e sincero con la reale ragione che ne stanno alla base. I ragazzi sono bravissimi, quando liberi da condizionamenti e pressioni, a fare questo, le famiglie dovrebbero solo seguirli nell’esempio.

Oggi infatti, a mio modo di vedere, c’è una problema più grave rispetto alla difficoltà di confronto con l’insuccesso scolastico, che è l’evitamento dell’insuccesso scolastico. Per quanto possa sembrare strano e paradossale all’interno della scuola spesso esiste un timore nel fermare uno studente, vuoi per via del proliferare delle certificazioni di disabilità, anche lievissima, vuoi per il conflitto che una bocciatura potrebbe generare con la famiglia. Si tratta però soprattutto di un processo culturale che spinge le figure educative a sottrarre l’adolescente a qualsiasi forma di trauma o sofferenza, nel timore di un suo crollo emotivo. Oggi abbiamo paura del dolore, un dolore che noi non vogliamo provare e che di conseguenza vogliamo evitare ai nostri ragazzi. Così dimentichiamo che, eliminando l’esperienza traumatica del fallimento, togliamo anche il gusto intenso del successo, che è fatto anche di fatica e di sana sofferenza. Così priviamo anche i nostri ragazzi di quel confronto intimo e meditativo con se stessi che passa anche attraverso un pianto consumato nella solitudine della stanza e che ha  un valore di crescita fortissimo. In una società in cui il successo coincide con l’appagamento immediato di qualsiasi desiderio, il valore di un fallimento scolastico è straordinariamente formativo per la costruzione di realizzazioni autentiche e durature.

I nostri partners

peregolibri barzano

Il progetto Sport4Life ha come partner logistico, organizzativo e co-costruttore dei progetti extra sportivi Perego Libri. 

logogymart

Il progetto Sport4Life in ambito della ginnastica artistica è sviluppato dal 2016 in collaborazione con la ASD GymArt 2014 di Pavia e i suoi allenatori.

centro tennis roseda

Il progetto Sport4Life in ambito tennistico è stato sviluppato dal 2014 al 2017 in collaborazione con il Maestro Federale Stefano Moroni presso il CT Roseda di Merate (LC).

garda danze logo2

Il progetto Sport4Life in ambito della danza sportiva è sviluppato dal 2013 in collaborazione con GardaDanze di Castelnuovo del Garda (VR) e il direttore tecnico Nicola Lonardi 

QUICKCOMbz

Il progetto Sport4Life ha come sponsor imprenditori così. "Grazie Paolo e Stefano per tutto quello che fate. Se per voi va bene pensavo di sponsorizzare il progetto, lo faccio proprio volentieri. Credo nel progetto a prescindere da tutto." Cristian Cantisani

Waibi

 Per l'area della comunicazione e in particolare dello sviluppo del sito Sport4Life si appoggia a un partner prezioso, un'impresa di nuova generazione con grandi competenze nell'area del web e social.

 hotel regina logo

"Vi ringrazio per quello che fate nel mondo dello sport, ma in particolar modo per l'aiuto che date ai giovani a 360 gradi. E' bello constatare che ci sono persone che credono nei benefici dello sport a tutti i livelli" Claudia Cantisani.